Mi Pento… di aver votato Bersani

Dichiarazioni di Claudio Corticelli, Ambientalista

Pierluigi Bersani vincitore delle primarie del Pd

Pierluigi Bersani vincitore delle primarie del Pd

Mi pento… nelle recenti primarie del 25 novembre e del 2 dicembre, non solo di aver partecipato come volontario ad un seggio, ma di aver votato volentieri per Bersani allo spareggio, contrapposto a quel ragazzotto dalle idee liberiste.

Mi pento… ma sono un po’ sorpreso e arrabbiato con me stesso, perché non ho capito, che dietro alle dichiarazioni di Pier Luigi c’era, c’è solo la volontà di promettere valori di sinistra, ma poi dopo aver vinto le primarie, accantonare le nostre speranze di una Italia diversa.

Come ambientalista credevo ingenuamente che avrei trovato ancora un dirigente politico, che viene dal vecchio PCI, che crede nella tutela della terra, dell’acqua, dell’aria, del nostro territorio.

Mi pento… perché nei giorni precedenti, ho appreso cose molto molto tristi, quasi un disegno, l’esclusione preventiva a Roma, dalle liste per il nuovo parlamento degli ambientalisti di sempre, Ermete Realacci, Dalla Seta, Francesco Ferrante, poi a Bologna l’emarginazione dai suoi incarichi nel PD bolognese, della ambientalista/scienziata Claudia Castaldini, e la sua uscita dall’incarico, perché si è accorta che i temi ambientali non sono nell’AGENDA del Partito Democratico.

Guarda caso tutti e quattro esponenti storici di LEGAMBIENTE.

Nel frattempo sono molto stupito di queste esclusioni, Ma perché questi deputati hanno fatto male il loro lavoro all’interno del Gruppo Parlamentare ?

Hanno fatto troppo chiasso, come Dalla Seta presentando un’interpellanza contro la famiglia Riva per l’inquinamento dell’acciaieria di Taranto?

Ha dato fastidio a Bersani che questi tre e anche la Castaldini, abbiamo deciso di sostenere in prima persona il referendum contro il nucleare, mentre il PD mugugnava per approvarlo ?

Ovviamente questi ambientalisti, non essendo per la loro peculiarità non legati a territori provinciali, ma impegnati su tutto il territorio italiano, presidiarlo in quanto sono espressione di un’interesse diffuso della tutela dell’ambiente e di nuove pratiche dell’economia verde, non potevano impegnarsi per le primarie provinciali.

Nella vostra AGENDA, c’è ancora l’ambientalismo, la tutela delle nostre bellezze naturali? Perché avete escluso gli ambientalisti?

Ma non si accorge Bersani e dirigenti periferici, che così facendo favoriscono lo spostamento di migliaia di voti ambientalisti, coloro che hanno votato per l’acqua pubblica e no al nucleare, verso 5 Stelle, SEL e Arancioni, che da sempre sostengono valori ecologisti.

Credo che il Partito Democratico, locale e nazionale, senza ecologisti di LEGAMBIENTE diventerà debole, senza valide competenze, coloro che vogliono un vero cambiamento verde, mentre noi di LEGAMBIENTE senza riferimenti nel parlamento saremo sempre gli stessi, degli ambientalisti liberi e indipendenti.

Spero di ricredermi, quando Bersani negli ultimi giorni utili candiderà riconosciuti esponenti ambientalisti. Così tutti insieme al PD potremo aspirare ad un mondo diverso, perché è possibile, lo vogliamo in molti.

Claudio Corticelli,

un ambientalista di una volta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...